Homepage | Giustiziacivile.com

Editoriali

Crisi d'impresa 23.10.2017

L’equivoco sui piani attestati di risanamento nella delega per la riforma delle discipline della crisi d’impresa e dell’insolvenza

di GRATIS PER 10 GIORNI

In dottrina e in giurisprudenza è diffusa la stramba idea del piano attestato come di un atto non aziendale ma giuridico, e a contenuto unilaterale. Dunque, come qualcosa di diverso dal contratto e simile o corrispondente a un atto unilaterale. L’errore è grave e inescusabile. 

Note

Famiglia e successioni 20.10.2017

Possibile revoca della nomina di erede a seguito del trasferimento (a qualunque titolo) di un bene oggetto di assegnazione per institutio ex re certa

di Leggi dopo

CORTE DI CASSAZIONE - L’alienazione di un bene attribuito ex re certa da parte del testatore determina la caduta dell’istituzione di erede, poiché la successiva disposizione del bene ne implica una volontà di revoca implicita.  

Note

Lavoro 19.10.2017

La mancata contestazione dell'illecito disciplinare e la generica allegazione delle ragioni oggettive poste a base del recesso ne disvelano la pretestuosità

di Leggi dopo

TRIBUNALE DI TARANTO - L'omessa contestazione degli addebiti disciplinari esclude in radice la sussistenza di qualsiasi fatto materiale pur astrattamente idoneo a fondare un licenziamento per giusta causa con conseguente applicazione della tutela reintegratoria.

Approfondimenti

Obbligazioni e contratti 18.10.2017

Forma e sostanza nei contratti aventi a oggetto prestazioni di servizi di investimento

di Leggi dopo

In materia di contratti aventi a oggetto prestazioni di servizi di investimento, si ammette comunemente che l'ordine di investimento o disinvestimento, anche se impartito dal cliente all'intermediario in assenza della richiesta di eseguirlo senza preventiva risposta, sia direttamente eseguibile dall'intermediario stesso, con conseguente perfezionamento dell'operazione anche a prescindere dalla conoscenza da parte del cliente dell'accettazione dell'ordine.