Giustizia Civile - Home Page

Multimedia

Società Concorrenza Fallimento 21.11.2014

Il rapporto tra il procedimento prefallimentare e la procedura concorsuale di concordato preventivo

di Mauro Vitiello Leggi dopo

Il rapporto tra il procedimento prefallimentare e la procedura concorsuale di concordato preventivo. Natura della coesistenza dei due procedimenti.

Approfondimenti

Danno e responsabilità 21.11.2014

La responsabilità del medico: dal contratto al contatto sociale

di Maria Cristina Cervale Leggi dopo

L'Autrice affronta il tema della qualificazione della responsabilità medica ed della sua collocazione all’interno del sistema, evocando il suggestivo richiamo alle pagine edite quasi ottanta anni fa da Francesco Carnelutti nel saggio intitolato emblematicamente “Clinica del diritto” [1]. In quella occasione, l’Autore si preoccupava di comprendere i fondamenti della formazione del giovane giurista, posto in confronto con il giovane medico, indicando il percorso necessario e gli strumenti indispensabili per procedere alle «operazioni» del diritto sulla base di casi «vivi, reali, in carne ed...

Editoriali

Arbitrato e processo civile 20.11.2014

La nuova regolamentazione sulla specializzazione degli avvocati: adelante con juicio

di Giuseppe Conte Leggi dopo

La recente riforma della professione forense ha introdotto la possibilità, per gli avvocati, di conseguire il titolo di specialista all’esito positivo di percorsi formativi almeno biennali o attestando di avere maturato una comprovata esperienza in uno dei settori di specializzazione (art. 9 legge 31 dicembre 2012, n. 247).

Approfondimenti

Banca finanza assicurazioni 20.11.2014

La rilevazione tecnico-contabile del tasso “usuraio”

di Gianmarco Annunziata Leggi dopo

L’istituto dell’usura, che nel nostro ordinamento costituisce illecito sia civile che penale, trovando in quest’ultimo ambito la sua fonte normativa primaria (art. 644 c.p.) – a distanza di quasi vent’anni dalla nota novella legislativa del 1996 (l. n. 108 del 1996), che, in uno con la successiva “norma di interpretazione autentica” (ex art. 1 del d.l. n. 394 del 2000, conv. in l. n. 24 del 2001), ha essenzialmente “oggettivato” i presupposti della fattispecie violativa di legge – presenta tutt’oggi questioni ancora aperte e discusse.